Quando si parla di counseling, si sente l’espressione “colloquio non direttivo” ed è importante capire di cosa si tratti, poiché questo è davvero un elemento che caratterizza il lavoro che il counselor fa con la persona che gli chiede aiuto

Se decidi di andare da un counselor, sappi che incontrerai qualcuno che lavora con un interesse vivo verso di te, che ti accetta in tutte le tue caratteristiche senza giudicarti e sviluppa nei tuoi confronti una comprensione empatica. Tu hai la massima libertà di raccontare ciò che ritieni di condividere, dando al colloquio la direzione che senti importante per te. Sei tu che decidi da che parte andare e, in questo senso, si parla di “colloquio non direttivo”.

Con il counselor si crea una relazione efficace basata sulla fiducia, in cui vieni guidato nell’esplorazione della strada che tu stesso hai scelto, focalizzando l’attenzione e l’espressione di te e permettendoti di arrivare in fondo a ciò che senti come problema, per individuare, dopo aver fatto chiarezza, eventuali risorse. Le domande del counselor hanno quindi la funzione di promuovere e facilitare la tua consapevolezza sull’argomento trattato.

Il counselor farà con te tutto questo e molto altro, a partire dall’accoglierti in un luogo tranquillo e riservato, in cui poter parlare con calma di argomenti personali, spesso delicati. Avrai modo di sentirti sicuro e protetto e tutto ciò che dirai rimarrà tra te e lui. L’ora di durata del colloquio è uno spazio che dedichi a te, in cui ti prendi cura dei tuoi bisogni e permetti alla tua vita di indirizzarsi verso la via che maggiormente le appartiene.

Articolo precedenteCosa mi sta accadendo?I pensieri mi invadono!
Articolo successivoIl viaggio è uno stato dell’animo
Angela Isella
Sposata e madre di due figli, mi dedico alla Programmazione Neuro Linguistica ed alla gestione di gruppi di empowerment dal 2007. Approdo al counseling per passione, avendo colto il bisogno delle persone di ascolto vero e profondo. Mi occupo di difficoltà legate ai cambiamenti, alla gestione delle emozioni, al lutto. Ho acquisito significativa esperienza nel trattare fragilità relazionali e personali. L'incontro tra la mia laurea umanistica e il Counseling sistemico è sbocciato nell'attivazione di gruppi di Counseling letterario, che utilizza il libro come strumento per percorsi di conoscenza di sé. Tel. 338 96 53 266 - e-mail: angela.isella@gmail.com